Rumors

29.12.2015

Il cervello dei Gamers compulsivi funziona diversamente?

Il cervello dei Gamers compulsivi funziona diversamente?

Attraverso lo studio di 200 ragazzi adolescenti e in particolare degli scan dei loro cervelli, uno studio della University of Utah School of Medicine in collaborazione con la Chung-Ang University Sud Koreana, ha rivelato che i cervelli di questi sono strutturati diversamente dal normale.

Giocare assiduamente a videogiochi è strettamente connesso a una iperconnettività di diverse parti della rete neurale del cervello.

Questi cambiamenti aiutano i giocatori a rispondere più velocemente a nuove informazioni.

Altri cambiamenti sono associati con un controllo degli impulsi più debole e con facilità a essere distratti. 

"La maggior parte delle differenze riscontrate possono essere considerate benefiche. Tuttavia i cambiamenti "buoni" potrebbero essere inseparabili dai probelmi che si sviluppano con essi." dice Jeffrey Anderson, M.D., Ph.D., e professore associato dell'università dello Utah.

Chi ha un disturbo del Gaming su Internet è ossessionato dai videogiochi, a tal punto da rifiutarsi di mangiare e dormire pur di giocare. Questo studio dimostra che nei ragazzi adolescenti con questo disordine, il network cerebrale che processa la visione e l'udito sono più coordinati del normale.

"Li'iperconnettività registrata può permettere una abilità più accentuata di convogliare l'attenzione su un bersaglio, e di processare nuove informazioni su un ambiente, superiori alla norma. I cambiamenti essenzialmente possono aiutare una persona a reagire e pensare con più efficenza."

L'obbiettivo dei team di ricerca ora è quello di assicurarsi di que cose: verificare con test di performance se all'iperconnettività è connesso un aumento di prestazioni cerebrali dirette, e monitorare i legami fra i cambiamenti ed effetti negativi dell'iperconnettività, come un eccessiva coordinazione dei due emisferi del cervello, spesso comune in casi di Autismo.